PRIMARIES 2020: I Rapporti con la Cina e la Questione Immigrazione

A cura di Norberto Cristofori

Durante la campagna elettorale di quattro anni fa Trump aveva sottolineato due temi per far “ridiventare grande l’America”: una maggiore ricchezza interna e bloccare l’immigrazione.

Se il muro che blocca le “orde di clandestini” dal Messico è ancora oggi più una metafora che qualcosa di veramente concreto, la guerra dei dazi con la Cina ha avuto l’obiettivo di rendere gli Stati Uniti più forti commercialmente.

Entrambi i temi sono diventati, obbligatoriamente, centrali nelle Primarie Democratiche e bisogna capire come si muoveranno i candidati per dare una risposta diversa dal Presidente.

Commercio

Il commercio è fondamentale per l’approccio economico di Trump. Ha cercato di rielaborare offerte esistenti, riallineare i rapporti commerciali e sfidare la Cina per la supremazia in settori strategici come quello tecnologico.

L’uso aggressivo delle tariffe ha iniettato incertezza nei flussi commerciali globali, provocato gli alleati europei e rimescolato la politica interna preoccupata del commercio.

Cina

Il Presidente Trump ha lanciato un’offensiva contro la Cina, nel tentativo di fare pressione a Pechino per cambiare le sue pratiche sulla proprietà intellettuale.

La Casa Bianca infatti pensa che il governo cinese spii e rubi i segreti commerciali da compagnie straniere che vogliono operare nel mercato cinese.

Se da una parte esiste il supporto da entrambe le parti per l’obiettivo dell’amministrazione, alcuni sostengono che l’approccio di Trump è rischioso, troppo dipendente sulle tariffe, e meno efficace di un piano che enfatizza lavorare insieme con gli alleati.

Sostenere l’obiettivo, cambiando l’approccio

La posizione più popolare è quella di sostenere l’obiettivo generale di Trump di affrontare la Cina mentre critica la sua dipendenza dalle tariffe, che secondo i critici sono economicamente dannose. La maggior parte dei democratici ha sottolineato che gli Stati Uniti devono affrontare le pratiche commerciali sleali della Cina collaborando con alleati come il Giappone e l’Unione europea.

Il senatore Kamala Harris, ad esempio, ha concordato con le conclusioni dell’amministrazione Trump sulle pratiche commerciali sleali di Pechino. Ma ha espresso preoccupazione per il fatto che le azioni di Trump per reprimere la Cina siano “controproducenti”.

Altri candidati, come il sindaco di South Bend, Pete Buttigieg, hanno sottolineato di voler lavorare con la Cina su alcune questioni, come i cambiamenti climatici, e andare oltre il commercio per affrontare le violazioni dei diritti umani di Pechino.

Non preoccuparsi così tanto della Cina

Nel complesso, alcuni critici sono stati meno favorevoli nell’affrontare aggressivamente la Cina, avvertendo che la ricaduta delle tariffe è un onere eccessivo per gli agricoltori, i produttori e altri americani.

L’ex vicepresidente Joe Biden si è concentrato su un messaggio che minimizza la minaccia cinese e esprime invece fiducia nei lavoratori e nella tecnologia americana.

TPP 2.0

L’amministrazione Obama ha portato la negoziazione del Trans – Pacific Partnership, con 12 paesi come il Giappone, l’Australia e il Cile. Questo accordo doveva bloccare alti standard commerciali per creare un contrappeso contro la Cina.

Trump ha infranto l’accordo durante la sua campagna del 2016, definendolo “uno stupro del nostro paese”. Dopo aver ritirato gli Stati Uniti dall’accordo il suo terzo giorno in carica, gli 11 membri rimanenti sono passati e hanno approvato un accordo rielaborato. Alcuni lo chiamano TPP 2.0, ma il nome formale è CPTPP.

Supportare l’adesione al CPTPP

L’ex vicepresidente Joe Biden è stato tra i candidati più favorevoli, anche se ha promesso di rinegoziare gli aspetti e ha detto che si sarebbe assicurato che gruppi di lavoro e ambientali fossero strettamente coinvolti in quei colloqui. Biden, che era un forte sostenitore del TPP quando faceva parte dell’amministrazione Obama, ha sottolineato la necessità che gli Usa abbiano un accordo Asia – Pacifico.

“O la Cina scriverà le regole della strada per il 21 ° secolo sul commercio”, ha detto.

Opporsi all’iscrizione al CPTPP o al TPP opposto

Alcuni democratici si sono schierati con Trump e non hanno mostrato alcun interesse a ricongiungersi all’accordo sul Pacifico.

Immigrazione

Del presidente Donald Trump gli sforzi per ridurre l’immigrazione clandestina e per sostituirla con un sistema basato sul merito individuale saranno probabilmente temi della campagna significativi nel 2020. I candidati dovranno chiarire la loro posizione sul muro di confine, sul trattamento dei richiedenti asilo e sulle politiche restrittive come il divieto di viaggio di Trump.

Anche i democratici hanno molte priorità. Negli ultimi anni hanno spinto per un percorso verso la cittadinanza degli 11 milioni di immigrati privi di documenti del paese, con particolare attenzione ai “Dreamer” portati negli Stati Uniti da bambini. Faranno pressioni per elaborare piani di immigrazione più ampi che si occupino di visti e lavoratori ospiti.

DACA

Il Presidente Trump appena eletto nel 2017 si impegnò subito per eliminare gradualmente il DACA (Deferred Action for Childhood Arrivals), un programma che offriva recupero e permessi di lavoro per gli immigrati senza documenti portati negli Stati Uniti da bambini. La decisione di Trump – temporaneamente bloccata dai tribunali federali – ha lasciato lo status di quasi 700.000 “Dreamers” nel limbo.

I democratici hanno criticato la mossa e probabilmente reagiranno con le proprie proposte per fornire un percorso alla cittadinanza per i destinatari del DACA e un più ampio numero di immigrati privi di documenti.

Cittadinanza per i Dreamer

I democratici sostengono un percorso verso la cittadinanza per i Dreamer portati negli Stati Uniti da bambini. Il percorso sarebbe aperto anche a quelli coperti dal programma DACA.

Cittadinanza per i Dreamer e azioni esecutive per aiutarli a legalizzare nel frattempo

Alcuni candidati appoggiano un percorso di cittadinanza per i sognatori, ma intraprenderebbero anche azioni esecutive che potrebbero consentire loro di ottenere lo status giuridico se il Congresso non approva la legislazione.

Ingresso illegale

Numerosi candidati democratici sostengono l’eliminazione delle sanzioni penali per l’ingresso illegale nel paese. Alcuni candidati hanno chiesto espressamente di abrogare la Sezione 1325 del Titolo 8 del Codice degli Stati Uniti, che rende l’attraversamento del confine senza subire un’ispezione da parte di un funzionario dell’immigrazione.

L’amministrazione Trump utilizzato lo statuto per giustificare la separazione famiglie sotto il suo pari a zero, una strategia che divise migliaia di famiglie nella primavera del 2018. Nel quadro della politica, gli adulti sono stati accusati di ingresso illegale e detenuti per il procedimento penale. Sono stati separati dai loro figli, che sono stati quindi etichettati come “non accompagnati”.

Mentre alcuni democratici hanno sostenuto l’abrogazione dello statuto dell’ingresso illegale come il mezzo più diretto di annullare la linea dura dell’immigrazione di Trump, gli altri non supportano la depenalizzazione.

Abrogare lo statuto

Alcuni democratici vogliono cancellare la Sezione 1325 dalla legge federale. Sostengono che protegga il duro trattamento sulle famiglie dei migranti e degli individui che arrivano al confine.

“Siamo molto chiari. La ragione per cui stanno separando questi bambini dalle loro famiglie è che stanno usando la Sezione 1325  che criminalizza il superamento del confine per incarcerare i genitori e poi separarli “, ha detto l’ex segretario dell’HUD Julián Castro al primo dibattito democratico primario nel mese di giugno. “Alcuni di noi su questo palco hanno chiamato per terminare quella sezione, per terminarla. … Voglio sfidare tutti i candidati a farlo. “

Castro ha aggiunto: “Penso che se vuoi davvero cambiare il sistema, dobbiamo abrogare quella sezione. In caso contrario, potremmo iscriverci tutti nel Partito Repubblicano. “

Elizabeth Warren ha dichiarato a HuffPost a giugno di essere d’accordo con la posizione di Castro. Ha dichiarato: “Non dovremmo criminalizzare mamme e bambini che cercano di fuggire dalla violenza o di cercare di costruire un futuro migliore. Dobbiamo approvare una riforma globale dell’immigrazione in linea con i nostri valori, creare un percorso verso la cittadinanza per gli immigrati privi di documenti, compresi i nostri dreamer, e proteggere i nostri confini “.

Pete Buttigieg, il senatore Kirsten Gillibrand, il senatore Kamala Harris, il senatore Bernie Sanders, l’autore Marianne Williamson e l’imprenditore Andrew Yang hanno alzato la mano quando gli è stato chiesto al primo dibattito democratico se ritengono che attraversare illegalmente il confine debba essere un reato civile piuttosto che un crimine.

Cory Booker ha detto al Washington Post che si oppone al procedimento penale per le persone che attraversano il confine illegalmente. Il sindaco di Miramar, in Florida, Wayne Messam e il rappresentante Seth Moulton hanno dichiarato al Post di sostenere l’eliminazione delle sanzioni penali per i valichi di frontiera illegali.

Lasciare lo statuto in atto

Questi candidati sceglierebbero di mantenere le pene sull’immigrazione criminale agli atti.

L’ex candidato alle presidenziali Beto O’Rourke, in un acceso scambio con Castro durante il primo dibattito democratico di base in giugno, ha mantenuto la sua opposizione all’abrogazione della sezione 1325 e ha affermato che sta sostenendo “una completa riscrittura delle nostre leggi sull’immigrazione”.

O’Rourke ha anche accusato Castro di “guardare solo una piccola parte di questo”, aggiungendo: “Non credo che chieda troppo alle persone di seguire le nostre leggi quando vengono in questo paese”.

Il senatore Michael Bennet e il governatore John Hickenlooper non hanno alzato la mano quando è stato chiesto al primo dibattito democratico se ritengono che l’attraversamento illegale della frontiera debba essere un reato civile piuttosto che un crimine.

Il muro

Il muro di confine è la questione più distintiva di Trump e i democratici stanno prendendo posizione contro di esso.

La maggior parte dei candidati si oppone al tentativo di Trump di ottenere miliardi per costruire più muri. Alcuni hanno persino affermato di essere aperti a eliminare alcune barriere esistenti.

Un’altra fazione è contro il muro, ma prenderebbe in considerazione ulteriori finanziamenti nell’ambito di un più ampio accordo sull’immigrazione.

Il “non” Diritto d’asilo

In tutto questo Trump nasconde una crisi umanitaria ai confini americani: più di 55.000 persone sono sparse tra i campi tra Usa e Messico in pessime condizioni igieniche e sanitarie.

Questa situazione è causata dall’agitazione della famosa carovana di migranti che finì qualche mese fa su tutti i televisori del mondo per poi scomparire nel nulla.

Trump, prima delle elezioni del midterm, promosse una legge chiamata MPP (Migrant Protection Protocols). Una legge che impone ai richiedenti asilo provenienti dal Messico di rimanere fuori dagli Stati Uniti finché la loro richiesta non viene esaminata.

Tutto questo fa parte di un progetto più ampio di questa amministrazione di cancellare poco a poco, o limitare il più possibile, il diritto d’asilo. Più volte il Presidente ha dichiarato che l’asilo politico è “una truffa ai danni degli americani”.

Un esempio è il Metering, cioè la soglia massima di richieste d’asilo che i funzionari possono esaminare. In una zona di confine molto affollata come quella nel sud della California i controlli erano sui 100 al giorno, oggi al massimo possono essere 20. Questo crea una lunga lista d’attesa che obbliga le persone a rinunciare o ad entrare nel paese in vie non legali, rischiando di essere uccise o incarcerate.

Se molte associazioni stanno combattendo per vie legali per ostacolare queste leggi, Trump ha stilato un accordo chiamato “Safe third country agreements”.

Gli Stati Uniti, insieme a Honduras, El Salvador e Guatemala, si sono accordati per certificare che questi tre paesi sono abbastanza sicuri da poter deportare lì i richiedenti asilo.

Un accordo che non ha nessuna base di verità visto che questi tre paesi rientrano nelle classifiche mondiali come i paesi più pericolosi al mondo. Soprattutto è un accordo stipulato con paesi che non hanno né infrastrutture né personale per gestire le numerose pratiche di asilo.

Trump non sta fermando l’immigrazione clandestina o bloccando il traffico di persone gestito da gang o gruppi criminali, ma sta complicando e rendendo sempre più difficile un diritto basilare di molti paesi democratici.

Truman nel 1947 per calmare le proteste di alcuni americani contro l’arrivo di immigrati ebrei ed europei disse al Congresso: “le vittime di guerra e di oppressioni devono guardare ai paesi democratici perché gli aiutino a ricostruire le loro vite. L’unico corso civile è quello di permettere loro di mettere nuove radici su un suolo amico.”

Un messaggio che risuona ancora più forte oggi, sul finire del primo decennio.

Ogni settimana su The New Global Order

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Create your website at WordPress.com
Get started
%d bloggers like this: